Scroll to top
© 2018 New Paper Srl All rights reserved - P.IVA 09062250965

La Festa dei Pazzi 😝

Dio Fauno e Marte

Anticamente febbraio (dal latino februare = “purificare”) era il mese dei riti di purificazione, tenuti in onore del dio etrusco Februus e della dea romana Febris; di commemorazione dei defunti, poiché segnava il passaggio dall’inverno ❄️  alla primavera 🌹 e permetteva un contatto con l’aldilà; dei riti di fecondazione, come nelle antichissime feste dei Lupercali in onore di Marte e del dio Fauno.

Nell’antica Roma 🏛 , durante il periodo che noi chiamiamo Carnevale, si celebrava la fertilità della terra che, dopo il torpore invernale, tornava a rivivere e nutrire uomini e animali. L’antica festa romana dei Saturnalia (dedicata al dio Saturno) e delle Dionisie greche (in onore del dio Dionisio) ricordano da vicino il nostro Carnevale.

 

Gallery slideGallery slideGallery slide

Gli antichi vedevano in Saturno il dio dell’età dell’oro, un’epoca felice in cui tutti vivevano in uno stato di eguaglianza, ove l’abbondanza dei frutti terreni era una certezza.

 

La rievocazione di quel momento, durante i Saturnalia, si esplicava oltre che con banchetti 🍲 e balli 💃 con un momentaneo sovvertimento, in chiave scherzosa 🎊 e dissoluta, degli obblighi sociali e delle gerarchie🔺 costituite, in favore del “caos” e del disordine che tutto permetteva.

Così, gli schiavi potevano considerarsi uomini liberi e comportarsi di conseguenza, eleggendo ad esempio un Princeps 🤴🏻 (caricatura della classe dominante) al quale affidavano ogni potere. Vestito con capi sgargianti 👘 e una maschera 🎭, rappresentava la personificazione di una divinità degli inferi 😈 (Saturno o Plutone) preposta alla custodia delle anime dei defunti ☠️ e protettrice dei raccolti.

Era opinione comune, infatti, che queste divinità vagassero sulla terra 🌏 per tutto il periodo invernale ❄️, ovvero quando la terra era a riposo, e che i riti e le offerte servissero a farle tornare nell’oltretomba, favorendo così il raccolto della stagione estiva. Finito il periodo di festa, l’ordine veniva ristabilito.

 

 

Dal Medioevo all’età moderna
I Saturnali, con il nome di Festa dei Pazzi 😝, e la Festa dell’Asino🐴 entravano con qualche modifica tra le solenni celebrazioni cristiane ✝️, eleggendo un Papa scherzoso e conducendolo a cavallo 🐎 per le vie della città.

Questi eventi continuavano, nonostante il divieto 🚫, a sopravvivere come feste legate al ciclo delle stagioni e alla rinascita della terra.

Anche nel Medioevo, quindi, il Carnevale continua a garantire l’allegria 😛 e la sospensione momentanea delle regole e della morale comune. Gli uomini vestivano abiti femminili 👗, i ricchi si travestivano da poveri 💵 , perché secondo antica tradizione:

Semel in anno licet insanire!

ovvero…

È lecito essere folli una volta l’anno!

I banchetti e i rituali erano accompagnati da danze 🕺🏻 dedicate anch’esse alla divinità 👼🏻 della terra.

Così, ad esempio, il “saltarello” laziale (antica danza popolare) 👯‍♂️  imitava con i suoi movimenti sinuosi il crescere delle spighe di grano 🌾 nei campi.

 

 

 

Il Carnevale oggi

Successivamente, con l’Imperatore 🤴🏻 Costantino e il Cristianesimo dichiarato religione ufficiale, il carnevale fu definito una festa pagana e bandita come festività.

Nel tempo 🕰, le usanze del carnevale tornarono ad emergere, e la chiesa cattolica fece un compromesso 🤝, e dichiarò che potevano partecipare al carnevale solo coloro che erano disposti a digiunare 🚫🥙 quaranta giorni prima della Pasqua 🕊.

Venne reinterpretato questo termine:

Con carnem levare

(dal latino “eliminare la carne”) ovvero

Togliere la carne

poiché indicava il banchetto che si teneva l’ultimo giorno di Carnevale (Martedì grasso), subito prima del periodo di astinenza e digiuno della Quaresima.

Poco a poco il carnevale “perse” ogni legame con la religiosità per diventare una festa 🎉 popolare, un periodo di tempo (una settimana) nella quale è permesso fare di tutto per poi ritornare alla civiltà e al buon gusto.

Gallery slideGallery slideGallery slideGallery slide

Quindi sbizzarritevi e BUON PAZZO CARNEVALE a tutti !

Related posts

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *